Cos'è l'ostruzione lacrimale?

Uno dei sintomi oculari più fastidiosi e preoccupanti per la popolazione è l'eccessiva lacrimazione. Anche se in molte situazioni di esposizione al freddo o al vento è normale e molto frequente che gli occhi lacrimino, ci sono persone che hanno questa sensazione continuamente.

Questo fenomeno è noto come epifora, o lacrimazione continua dovuta alla difficoltà di drenaggio, che ostacola l'attività quotidiana e diventa una patologia che richiede la valutazione dell’oculista.

Il dotto lacrimale è un sistema di drenaggio tubolare che raccoglie le lacrime attraverso piccoli orifizi (noti come punti lacrimali) all'estremità più nasale di entrambe le palpebre e le canalizza nel naso.

Le lacrime che non sono evaporate vengono svuotate nel naso attraverso un sistema di tubi, i canaliculi (nelle palpebre), il sacco lacrimale e il dotto nasolacrimale.

Quando rivolgersi a un oftalmologo?

L'ostruzione di questo sistema di tubi causa un accumulo di lacrime che non possono defluire nel naso. L'occhio ha un eccesso di acqua e carenza nell'eliminazione di tutti i tipi di detriti.

Se il dotto lacrimale è bloccato in qualsiasi punto del suo corso, la lacrima trabocca e il paziente piange.

L'ostruzione del dotto lacrimale può essere dovuta a diverse cause (età, trauma al naso, allergie nasali, congiuntivite, tumore).

Nei bambini, l'ostruzione del dotto lacrimale può essere dovuta al fatto che il dotto non è completamente sviluppato alla nascita. È importante rivolgersi a  un oftalmologo il più presto possibile per stabilire il trattamento migliore.

Sintomi

  • Lacrimazione, visione offuscata, irritazione degli occhi o congiuntivite
  • Secrezione mucosa, infiammazione del sacco lacrimale (angolo interno della palpebra).
  • Macerazione della pelle.

Quali trattamenti sono attualmente disponibili?

Le ostruzioni alte (prossimali) localizzate nel punto lacrimale possono essere trattate con colliri di cortisone, nel caso in cui l'ostruzione sia dovuta a edema (gonfiore) oppure mediante la tecnica chirurgica di puntoplastica con la quale allargheremo l'orifizio d'ingresso.

Quando le ostruzioni del sistema lacrimale sono localizzate più in profondità, chiamate ostruzioni basse (distali), richiedono sempre un trattamento chirurgico noto come dacriocistorrinostomia (DCR) con diverse alternative di approccio per realizzare un nuovo orifizio di uscita dalla lacrima verso la cavità nasale, al fine di superare l'ostruzione che si è creata.

Dacriocistorrinostomia (DCR) 
Si basa sulla realizzazione di una nuova finestra ossea nell'osso lacrimale che colleghi il sacco lacrimale con il naso, al fine di superare l'ostruzione che si è creata.

DCR classica o esterna
Sulla pelle si esegue una piccola incisione con cui creiamo un foro che collega nuovamente la via lacrimale al naso.

Poiché viene eseguito attraverso la pelle, il foro o l'osteotomia può essere fatto di dimensioni maggiori che con altre tecniche chirurgiche. La realizzazione di un orifizio di passaggio maggiore beneficia di una migliore permeabilità del sistema lacrimale dopo la guarigione della ferita.

DCR assistida con laser a diodi
Viene eseguita con tecniche laparoscopiche, tramite fotocamera e schermo TV.

Viene creata una connessione tra il sistema lacrimale e il naso con l'aiuto di una piccola sonda laser a diodi che viene introdotta attraverso i punti lacrimali, in modo che l'osteotomia ottenuta sia di dimensioni inferiori rispetto alla tecnica esterna ma così facendo evitiamo di creare la ferita sulla pelle della palpebra.

Professionisti che curano questa patologia

Domande frequenti

  • Probabilmente ha il dotto lacrimale bloccato. Il dotto lacrimale è un passaggio attraverso il quale la lacrima scorre fino al naso. Se si blocca (problema relativamente comune), la lacrima non può defluire è per questo che l'occhio piange. Ciò impedisce la corretta pulizia dell'occhio, il che favorisce la comparsa di congiuntiviti ricorrenti (occhio rosso, secrezioni...). D'altra parte, il nodulo che descrive è il sacco lacrimale, che a volte si infetta (dacriocistite) se non defluisce correttamente. Dati i sintomi descritti, e confermando la diagnosi con una visita preliminare, consiglierei certamente un intervento chirurgico per porre fine al disagio ed evitare nuove infezioni.

  • Il drenaggio delle lacrime scorre normalmente dall'occhio alla narice senza riversarsi sul viso. Ciò avviene per mezzo del dotto lacrimale, uno scarico che parte da un piccolo punto della palpebra inferiore e si fa strada nella narice attraverso il cosiddetto sacco lacrimale. Affinché il drenaggio lacrimale nel naso sia adeguato, il condotto deve essere del calibro corretto, in modo che il flusso lacrimale lo attraversi senza grandi problemi e anche che il puntino lacrimale sia nella posizione giusta. In condizioni normali, il puntino lacrimale è strettamente attaccato al bulbo oculare. Questo fa sì che la lacrima scorra sul bordo della palpebra fino a cadere attraverso i punti e iniziare la sua discesa verso il naso. Se questo punto perde il contatto con il bulbo, le lacrime non trovano la loro normale via d'uscita e "cadono" lungo il viso, la persona lo percepisce come lacrimazione. Questo è ciò che sta succedendo a suo marito: il punto lacrimale si è separato dall'occhio, fenomeno chiamato ectropion del punto lacrimale, che si manifesta sotto forma di lacrimazione continua. Anche se è un problema molto fastidioso, è bene sapere che non è una patologia grave in sé e che, inoltre, l'oculista può risolverlo con un semplice intervento chirurgico ambulatoriale, in cui il punto lacrimale viene posizionato al suo posto originale, la palpebra viene stretta permettendo al normale flusso di lacrime di riprendere e alla fastidiosa lacrimazione di scomparire.

Newsletter