Questo sito usa cookie propri e di terzi. Alcuni dei cookie sono necessari per navigare. Per abilitare o limitare categorie di cookie ausiliari, o per ottenere più informazioni , personalizza la configurazione.

Cos'è?

La blefarite deriva dalle parole greche blepharon (palpebra) e -itis (infiammazione). Significa quindi infiammazione delle palpebre.


La blefarite è una malattia molto comune che è poco diagnosticata perché l'oftalmologo spesso non esegue un esame approfondito dei margini della palpebra, una parte importante della superficie oculare.

Sintomi

I sintomi della blefarite non sono specifici e possono variare:

  • Occhi arrossati e sensazione di bruciore dopo un uso prolungato di computer, schermi o dopo ore di lettura.

  • Sensazione di un corpo estraneo al risveglio o di prurito e gonfiore dei margini della palpebra.

  • Eccessiva lacrimazione in caso di esposizione a climi freddi, ambiente ventoso, riscaldamento, aria condizionata o inquinamento.

  • Orzaiolo ricorrente.

  • Visione offuscata o abbagliamento.

  • Diminuzione dell'acuità visiva, fotofobia, blefarospasmo e dolore in casi estremi.

Cause e fattori di rischio

Alla blefarite sono associate diverse condizioni, come la rosacea, l'atopia, la psoriasi, la malattia infiammatoria intestinale, la dermatite seborroica, la menopausa, i problemi ormonali, l'uso cronico di lenti a contatto o l'uso di farmaci topici per il glaucoma contenenti prostaglandina. L'uso prolungato del computer o dello schermo è anche una causa comune di blefarite a causa della diminuzione dell’ammiccamento.

Diversi farmaci orali sono stati anche associati a queste condizioni, tra cui: pillola anticoncezionale, antidepressivi, antipsicotici, antistaminici, chemioterapia, antiandrogeni come la finasteride, e farmaci per la pelle come l'isotretinoina usata per l’acne.

Precedenti interventi chirurgici agli occhi, come la chirurgia refrattiva, la cataratta o interventi multipli agli occhi, possono anche essere un fattore di rischio a causa della diminuzione della sensibilità corneale che determina una riduzione del tasso di ammiccamento.

Tipologie

La blefarite può essere anteriore, quando colpisce la base delle ciglia, o posteriore, quando colpisce le ghiandole di Meibomio.

La blefarite anteriore si divide in diversi tipi: seborroica (materiale oleoso simile alla forfora), infettiva (di solito a causa di un'infezione da stafilococco o fungina) o parassitaria (infestazione da Demodex). La scarsa igiene è associata al tipo infettivo di blefarite anteriore.

La blefarite posteriore coinvolge le ghiandole di Meibomio che secernono lipidi. I lipidi giocano un ruolo molto importante nell'omeostasi delle lacrime. Quindi, quando c'è una disfunzione delle ghiandole di Meibomio, sia a causa del blocco dei pori delle ghiandole o a causa dell'atrofia, può verificarsi un occhio secco evaporativo.

Diagnosi

Un’attenta ispezione dei margini palpebrali è importante per diagnosticare di quale tipo di blefarite un paziente può soffrire. Lo specialista può eseguire alcuni test, come tamponi con terreno di coltura e test di sensibilità nei casi di blefarite infettiva, o prelevare campioni dalle ciglia per verificare la presenza di acari del Demodex.

Altri test specializzati possono includere l'interferometria, il tempo di rottura del film lacrimale e l'osmolarità per controllare la qualità delle lacrime. I test di imaging, come la meibografia, per determinare se l'atrofia della ghiandola di Meibomio è presente, possono anche essere prescritti dallo specialista in occhio secco.

Prevenzione

Una buona igiene palpebrale è la chiave per prevenire la blefarite, specialmente per coloro che sono predisposti a questa patologia. L'igiene avviene attraverso l'uso di salviette ed è raccomandato il lavaggio con soluzione salina. Questo è particolarmente importante per le donne che si truccano gli occhi.

Raccomandiamo anche di evitare l'applicazione di prodotti per il trucco sul bordo interno della palpebra, poiché questo può ostruire i pori delle ghiandole di Meibomio e causarne l’ostruzione.

Si raccomanda inoltre una dieta ricca di acidi grassi omega-3 per un sano funzionamento delle ghiandole di Meibomio. Salmone, tonno, branzino, sardine e la maggior parte dei frutti di mare sono ricchi di acidi grassi omega 3. Fonti dietetiche alternative di acidi grassi omega-3 sono noci, alghe, semi di chia e semi di lino.

Trattamento

Il trattamento deve essere personalizzato e mirato alla causa della condizione.

La blefarite anteriore viene trattata con l'igiene palpebrale utilizzando salviette speciali. In caso di infezione, lo specialista può prescrivere alcuni antibiotici topici, soprattutto in caso di infezione da stafilococco. I preparati a base di tea tree oil possono essere prescritti in caso di infestazione da Demodex. La microesfoliazione può essere raccomandata nei casi ricorrenti o quando l'igiene palpebrale non viene rispettata.

Per la blefarite posteriore, il trattamento si esegue di solito con impacchi caldi e massaggio palpebrale. In alcuni casi, lo specialista può offrire una terapia di luce pulsata intensa regolata(IRPL) per i casi che non rispondono al trattamento convenzionale.

Sia nella blefarite anteriore che in quella posteriore, l'integrazione delle lacrime sarà necessaria fino a quando non ci sarà un miglioramento della qualità delle lacrime del paziente.

Professionisti che curano questa patologia

Domande frequenti

  • Dobbiamo capire la causa principale della malattia, che deve essere affrontata per trovare una cura. Nella maggior parte dei casi, una cura non è possibile perché la causa può essere irreversibile, come la menopausa o l'uso continuo del computer. Tuttavia, con una routine di base di lubrificazione, dieta sana e igiene palpebrale, la maggior parte dei pazienti torna a godersi una vita normale senza che la blefarite diventi un fastidio.

  • Nella nostra esperienza, l'80-85% dei pazienti nota un miglioramento sintomatico dopo un minimo di 3 sedute, ma il 100% dei pazienti ha un miglioramento anatomico quando confrontiamo la meibografia prima e dopo la terapia.

Newsletter