Questo sito usa cookie propri e di terzi. Alcuni dei cookie sono necessari per navigare. Per abilitare o limitare categorie di cookie ausiliari, o per ottenere più informazioni , personalizza la configurazione.

Cos'è la cataratta?

La cataratta è una delle cause più frequenti di perdita della vista ed è dovuta alla perdita di trasparenza del cristallino, la lente naturale dell'occhio.

Il cristallino perde naturalmente la sua trasparenza a causa dell'invecchiamento, il che si traduce in una diminuzione dell'acuità visiva. Anche se la maggior parte delle cataratte sono legate all'età, ce ne sono altri tipi come le cataratte congenite (presenti dalla nascita), secondarie a certe malattie (uveite, diabete), farmaci (corticosteroidi) o traumi oculari.

Sintomi della cataratta

Di solito si sviluppa lentamente, quindi i sintomi appaiono progressivamente:

  • Visione offuscata o nebulosa nella visione da lontano.

  • Abbagliamento da luce solare, lampade o fari di auto di notte.

  • In alcuni casi causa miopia, quindi può migliorare la visione da vicino.

Uno specialista sarà in grado di valutare se c'è una cataratta incipiente in ogni paziente, per cui è molto consigliabile sottoporsi a controlli regolari, che si portino o meno occhiali o lenti a contatto.

Tipologie di cataratta

Possono essere classificate secondo la loro causa, o secondo l'area di opacità della lente.

Cataratta senile

La cataratta senile è la più frequente ed è legata all’età.

Cataratta da disfunzioni metaboliche

La cataratta da disfunzioni metaboliche è quella associata alle malattie metaboliche, la più comune delle quali è il diabete mellito.

Cataratta congenita

La cataratta congenita è quella che è presente alla nascita o che si sviluppa durante i primi mesi di vita. Il suo aspetto può essere associato a condizioni genetiche o a una malattia sofferta dalla madre durante la gravidanza, come la rosolia o la toxoplasmosi.

Cataratta da trauma

La cataratta da trauma è quella che si verifica in seguito ad un colpo all’occhio.

Cataratta da fattori tossici

La cataratta da fattori tossici è quella associata all'uso o all'abuso cronico di certi farmaci o tossine, con i corticosteroidi come elemento causale più frequente.

Allo stesso modo, a seconda dell'area del cristallino opacizzata, possiamo differenziare:

Cataratta nucleare

Cataratta nucleare, in cui è il nucleo o il centro del cristallino ad essere principalmente opacizzato. Le cataratte nucleari di solito si sviluppano lentamente e colpiscono più la visione da lontano che quella da vicino. È la più comune ed è di solito associata all’età.

Cataratta corticale

Cataratta corticale, in cui la corteccia o l'involucro del cristallino è opacizzato. Sono meno comuni delle cataratte nucleari e colpiscono maggiormente la visione da vicino.

Cataratta subcapsulare posteriore

Cataratta subcapsulare posteriore, che si sviluppa nello strato più esterno del cristallino: la capsula posteriore. Questo tipo di solito progredisce abbastanza rapidamente, ed è accompagnato da abbagliamento.                                                                                                                                                       

Un'attenta osservazione e descrizione della cataratta durante l'esame con la lampada a fessura è importante nell'anamnesi oftalmologica di ogni paziente.

Da un lato, permette di valutare la progressione della cataratta da una visita all'altra; dall'altro, la sua tipologia e il suo grado condizionano la scelta della tecnica chirurgica più appropriata per rimuoverla, e avvertono dei possibili rischi intraoperatori specifici per ogni tipo.

Trattamenti

Il trattamento definitivo è ancora quello chirurgico.

La chirurgia della cataratta è attualmente una procedura rapida, indolore, altamente efficace e a basso rischio. L’intervento alla cataratta consiste nell'aspirare il contenuto della lente opacizzata e sostituirla con una lente intraoculare.

Le lenti intraoculari sono in costante evoluzione tecnologica, sia in termini di design che di materiali. Attualmente esistono diversi tipi di lenti intraoculari:

  • Lenti intraoculari monofocali
    Correggono la visione da lontano ma il paziente ha ancora bisogno di occhiali per la visione da vicino.

  • Lenti intraoculari multifocali
    Offrono la visione a varie distanze: vicino, medio e lontano a seconda del modello di lente. 

Il recupero post-operatorio è rapido e permette un ritorno alla visione normale.

Il laser a femtosecondi è utilizzabile nella chirurgia della cataratta.

Il chirurgo deciderà l'opzione migliore dopo aver valutato ogni caso individualmente, a seconda delle aspettative di ogni persona e della sua condizione anatomico-funzionale.

Professionisti che curano questa patologia

Domande frequenti

  • All'inizio, quando la cataratta non è molto densa, la visione è offuscata. Inoltre, le luci possono causare più abbagliamento del solito. Man mano che la cataratta si sviluppa, la vista diventa più annebbiata, rendendo progressivamente più difficile svolgere le attività quotidiane.

  • In linea di principio, la gradazione della lente intraoculare che si colloca nell'occhio quando la cataratta viene rimossa è  per tutta la vita, perché non ci sono più cambiamenti. Infatti, questi cambiamenti erano quasi sempre dovuti al cristallino stesso che diventava una cataratta, il che significa che la lente dovrebbe durare tutta la vita.

  • La lente intraoculare che viene posta all'interno dell'occhio determinerà se è necessario o meno portare gli occhiali. Attualmente esistono lenti intraoculari che possono correggere tutti i difetti visivi, ipermetropia, miopia, astigmatismo con una lente torica, e anche la presbiopia o l'affaticamento della vista con una lente multifocale, sia bifocale che trifocale.

  • Attualmente, la cataratta viene rimossa attraverso un'incisione di 2 mm, utilizzando una sonda ad ultrasuoni che polverizza e aspira la cataratta.

  • La cataratta generalmente appare nelle persone anziane, però ci sono persone di 60 anni, che non dovrebbero essere considerate anziane, che hanno la cataratta. Può anche apparire congenitamente nei bambini, sia come una condizione ereditaria, dove uno dei loro genitori presenta la cataratta, o come risultato di una malformazione nello sviluppo embrionale del cristallino.

  • Oggi, la chirurgia della cataratta assistita con laser a femtosecondi permette di eseguire alcune delle fasi delicate della chirurgia  con alta precisione e sicurezza. Nella seconda parte della procedura, gli ultrasuoni sono ancora utilizzati per l'aspirazione della cataratta come una tecnica convenzionale. L'uso del laser a femtosecondi non è indicato per tutte le cataratte, quindi il vostro oftalmologo vi raccomanderà la tecnica più appropriata nel vostro caso.

  • Sebbene sia molto comune sentire che le lenti intraoculari si sporcano, ciò che in realtà accade, relativamente frequentemente, è che la capsula posteriore del cristallino si opacizza. È molto raro che la lente stessa si deteriori o si sporchi.

    La chirurgia della cataratta consiste nella frammentazione e nell'aspirazione della lente opacizzata o cataratta, e nel successivo impianto di una lente all'interno della capsula, che è una sottile membrana che circonda la lente. La parte posteriore della capsula rimane intatta perché è normalmente trasparente al momento dell'intervento. L'opacizzazione della capsula posteriore può apparire mesi o anni dopo l'intervento di cataratta e la  conseguenza è una progressiva diminuzione della vista. La sensazione che produce è come vedere attraverso un vetro appannato o sporco.

    Attualmente, il trattamento più efficace per l'opacizzazione capsulare è la capsulotomia laser. Consiste nell'aprire una piccola finestra al centro della capsula posteriore. È una tecnica semplice e indolore che non richiede un intervento chirurgico o un'ospedalizzazione. Il recupero è rapido e si ritorna alla visione che si aveva prima dell'opacizzazione.

Newsletter