Questo sito usa cookie propri e di terzi. Alcuni dei cookie sono necessari per navigare. Per abilitare o limitare categorie di cookie ausiliari, o per ottenere più informazioni , personalizza la configurazione.

Cos'è la presbiopia o vista stanca?

La presbiopia o vista stanca è un difetto di rifrazione dovuto alla perdita di elasticità del cristallino, la lente naturale dell'occhio che ci permette di mettere a fuoco gli oggetti a diverse distanze, meccanismo conosciuto come accomodazione. 

Nel corso degli anni, il cristallino perde progressivamente la sua naturale elasticità e diventa più rigido, quindi meno flessibile. La perdita progressiva della capacità accomodativa si manifesta generalmente dopo i 40 anni ed evolve nel tempo. 

Sintomi

  • Difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti vicini.

  • Necessità di allontanare gli oggetti per vedere meglio.

  • Sensazione che il testo balli e le lettere siano sfocate, o affaticamento oculare.

  • Mal di testa se si fissa la vista da vicino per un lungo periodo di tempo.

  • Occhi rossi, asciutti, prurito, lacrimazione e sensazione di corpo estraneo quando si utilizza più a lungo la visione da vicino.

L'insieme di questi sintomi della vista stanca comportano a affaticamento oculare

Prevenzione

La presbiopia non si può prevenire perché è legata al processo di invecchiamento dell'occhio. È importante sottoporsi a controlli regolari a partire dai 40 anni, visto che è legata all'età ed è quando generalmente compaiono i sintomi.

Sono stati proposti vari esercizi e supplementi nutrizionali (come la luteina) per ritardare l'insorgenza della presbiopia, ma finora non ci sono prove scientifiche che siano efficaci.

Un modo per ripristinare realmente la funzione fisiologica dell’accomodazione sarebbe la sostituzione del contenuto del cristallino con un gel trasparente ed elastico che riempirebbe il sacco capsulare (Phaco-Ersatz).

Esiste un'altra possibilità, con l'arrivo dei laser ultra-veloci (di femtosecondi) si comincia a considerare l'opzione di fare chirurgia al cristallino senza intaccarne la trasparenza, recuperando così la sua elasticità e funzione accomodante.

Trattamento della presbiopia

La presbiopia non può essere curata, ma ci sono metodi per alleviare la difficoltà di messa a fuoco per cui si può parlare di correzione della presbiopia. 

Correzione ottica

Esistono diversi tipi di occhiali: 

  • Monofocali: Consentono di vedere bene da vicino.

  • Bifocali: combinazione della visione da lontano e da vicino.

  • Occupazionali: Permettono di vedere bene a media distanza (computer) e da vicino.

  • Progressivi: Le lenti progressive cambiano progressivamente la gradazione per correggere sia la visione da lontano, sia l’intermedia da vicino. 

Esistono anche lenti a contatto bifocali o multifocali, che devono essere personalizzate per ogni paziente.

Correzione chirurgica

Nessuno dei metodi chirurgici finora proposti è stato in grado di ripristinare una vera e propria accomodazione, nel senso di capacità dinamica e continuamente variabile, per mettere a fuoco a tutte le distanze, solo alcuni modi per porvi rimedio in misura maggiore o minore.

 

Operazioni per la presbiopia o vista stanca

Chirurgia laser

Consiste nel modellare la cornea, modificarne l’asfericità aumentando la profondità di campo, compensando così la perdita di accomodazione del cristallino. 

Altre tecniche di chirurgia corneale comprendono la monovisione (tipo LASIK o simili) che corregge un occhio per vedere bene da lontano (occhio dominante) e l'altro per vedere bene da vicino (occhio non dominante), e la creazione di cornee bifocali o multifocali (PresbyLasik). Lo svantaggio principale di queste procedure è che sono irreversibili. 

Impianto di lenti intracorneali

Impianto di lenticoli sottili nello spessore della cornea, sia sollevando un lembo come nella LASIK, sia creando una tasca interlaminare. Questi impianti possono essere di tipo refrattivo (lente intracorneale), anche per creare una cornea bifocale o in forma di diaframma senza potere ottico. Sono procedure reversibili. 

Impianto di lenti intraoculari

Consiste nella sostituzione del cristallino con una lente pseudofachica (sia bifocale, multifocale o a gamma estesa). Queste lenti non sono adatte a tutti i pazienti, quindi è necessario effettuare uno studio preoperatorio completo. 

Presentano anche alcune limitazioni nella qualità visiva e a volte causano disagi, soprattutto nella visione notturna, anche se è il cervello che alla fine sceglierà l'immagine d’interesse in ogni momento e la sua capacità di adattamento può compensare molte delle imperfezioni del sistema. 

Il successo della chirurgia refrattiva dipende in gran parte dall'individualizzazione del trattamento basato su una buona diagnosi e una corretta indicazione della tecnica chirurgica. 

Professionisti che curano questa patologia

Domande frequenti

  • Attualmente ci sono diverse tecniche disponibili per i piccoli difetti di rifrazione, sia nella miopia che nell'ipermetropia e nell'astigmatismo, si usano tecniche corneali (LASIK, SMILE...) ci sono anche altre opzioni come: lenti fachiche, estrazione del cristallino, lenti intraoculari o anelli intrastromali.

  • La presbiopia o l'affaticamento degli occhi non è una patologia, ma un processo degenerativo associato all'invecchiamento dell'occhio e quindi non può essere prevenuto. Con l'età, intorno ai 40-45 anni, il cristallino perde elasticità e quindi la sua capacità di accomodare, causando una perdita di nitidezza nella visione da vicino.

    Nella maggior parte dei casi può essere corretto con l'uso di occhiali o lenti a contatto.

    Si può anche correggere con un intervento chirurgico a livello corneale con laser di ultima generazione, impianti di diversi tipi di lenti intraoculari, analizzando, studiando e individuando il trattamento per ogni paziente.  

  • La presbiopia appare di solito intorno ai 40-45 anni e aumenta progressivamente man mano che il cristallino perde la sua capacità di accomodare fino a stabilizzarsi intorno ai 60 anni. È importante fare un controllo oftalmologico annuale per valutare la progressione e regolare la prescrizione degli occhiali, se necessario.

Newsletter